Nel periodo primaverile ed estivo, spesso ci capita di decidere di prendere la nostra famiglia, unitamente alla nostra macchina fotografica, e mettersi in viaggio verso l’Umbria, la Campania, le Marche, il Lazio e la Toscana.

Come buona norma di ogni fotografo professionista, la nostra intenzione è riuscire a prendere con i nostri scatti fotografici, ogni angolo caratteristico del nostro viaggio.

Se siamo fortunati ci imbatteremo in una festa popolare di un paesino medioevale, dove la federazione arcieristica italiana della L.A.M. ( Lega Arcieri Medioevali) e la F.I.T.A.S.T. ( Federazione  Italiana Arcieri Storici ) sta organizzando un torneo.

Paesi addobbati a festa, gente in costume, sbandieratori e tamburelli, mercatini e ovviamente loro, gli arcieri.

Non ci pare vero e iniziamo subito a fotografare e scattare foto a ripetizione.

E’ incredibile vedere quanta gente partecipa a questi eventi.

Ti accorgi subito che non è solo uno sport. Non sono dei modelli da fotografare. Non sono qui per farsi fare dei video daii turisti.

Sono persone unite da una passione, la passione della libertà e dello stare insieme.

La passione dello stare insieme.

La cosa più bella è che verrai accolto nel migliore dei modi.

Tu “moderno” con una macchina fotografica e con gli occhi spalancati a vedere tutti quei colori cosi intensi.

Il rosso porpora, il verde smeraldo, il giallo ocra e il bianco e nero come se piovesse.

Allegria, spirito di gruppo, e ovviamente la competizione per riuscire a primeggiare come novello Robin Hood.

Camminerai con loro attraverso i vicoli e le piazze e vedrai disseminati paglioni con bersagli e fotograferai frecce sfavillanti scoccate da archi in legno dalle mille venature.

Alla fine ti accorgerai di avere foto stupende e saranno come fatte in una sala di posa illuminata a dovere perché la luce emanata dalla gioia di chi hai fotografato, sembra essere generata dal migliore faro mai avuto in uno studio fotografico.

 

Foto Smack Studio